Fotografie

Libri Resistenti

Podcast:



Foto inviate dai visitatori del sito

Download

Documenti, curiosita'
Documenti di lavoro'

test Procedure

Calcola l'ICI di Pecorara
Archivio delibere e determine

ComPa 2007
Intervento al Compa 2007 Bologna - podcast
Esperienze del territorio - Compa 2007 (pdf)
Foto dell'intervento

Collegamenti

Altri collegamenti

Libri, films ecc.





Monarchia o Repubblica?

Era la fine di maggio del 1946. Il referendum era imminente, gli italiani erano chiamati a scegliere tra Monarchia e Repubblica
La grande proprietà agraria era tutta dalla parte dei Savoia, specialmente al sud, molto denaro veniva messo a disposizione dalle organizzazioni monarchiche per una propaganda insistente.
Pietro era a lavorare nella stalla, nella proprietà del Marchese.
Improvvisamente si sentì il rumore di un motore che si avvicinava. Pietro si affacciò curioso sulla porta della stalla con ancora il forcone in mano e vide arrivare una gran macchina scura che invadeva l'aia di fronte alla stalla.
Dopo un attimo l'autista aprì la porta posteriore dell'auto, ne discese il Marchese, elegante, scarpe lucide; si avvicinò con fare falsamente cordiale :
- Ciao Pietro
- Buongiorno Signor Marchese
- Come va?
- Mah, cosa vuole, c'è da lavorare, ma la prego si accomodi in casa Signor Marchese
- No, grazie Pietro, sono passato solo per ricordarti che il 2 giugno si vota per il Referendum, tu andrai vero?
- Si certo ma...
- Bravo! Mi raccomando eh Pietro! Sosteniamo il nostro Re, facciamo il nostro dovere!
Pietro si appoggiò al forcone piantato a terra, come per mettersi più comodo e, tranquillamente, ma con un tono di risolutezza nella voce disse:
- Vede Signor Marchese, io e lei siamo così diversi! Ecco, vede come è vestito lei? È molto elegante e poi gira con un'auto bellissima, io sono vestito con vecchi panni sdruciti che odorano di stalla e vado in giro a piedi, al massimo in bicicletta. Stasera per cena lei chissà cosa mangerà, io al massimo mangerò un uovo, vede come siamo diversi? Per questo dobbiamo essere diversi anche nel voto, non potremmo mai votare nello stesso modo...
Il marchese, sorpreso, parve accusare il colpo.
Mantenendo un atteggiamento leggermente sdegnato nell'espressione del volto si accomiatò. Salutando frettolosamente risalì sull'auto, l'autista richiuse la portiera e si mise al posto di guida. L'auto ripartì lasciando un po' di polvere dietro di se.
Il 2 Giugno 1946 l'Italia divenne una Repubblica.
Umberto di Savoia lasciò il Quirinale dopo aver tentato invano di contestare il verdetto popolare.




Il racconto è liberamente tratto da una testimonianza di Roberto Miotti

La foto a sinistra è tratta dal volume «I cinque anni che cambiarono l'Italia di Aldo De Jaco New Compton Editori »
La foto in basso a destra, ritrae Umberto di Savoia mentre lascia il Quirinale ed è tratta da
«I Comunisti raccontano 1945-1975» Teti Editore
Video



Pagina fatta in Html e PHP da Attilio Bongiorni