Fotografie

Libri Resistenti

Podcast:



Foto inviate dai visitatori del sito

Download

Documenti, curiosita'
Documenti di lavoro'

test Procedure

Calcola l'ICI di Pecorara
Archivio delibere e determine

ComPa 2007
Intervento al Compa 2007 Bologna - podcast
Esperienze del territorio - Compa 2007 (pdf)
Foto dell'intervento

Collegamenti

Altri collegamenti

Libri, films ecc.





Irma Bandiera (Mimma)

Qualcuno l'ha definita «una signorina sofisticata».
come dice Pino Cacucci nel suo libro meraviglioso Ribelli!. Irma Bandiera detta Mimma è una «ragazza di buona famiglia», molto bella. È nata a Bologna nel 1915 e vive con i genitori. La sua vita avrebbe potuto scorrere in un modo facile, con poche ombre, ma non fu così. Sulla sua lapide, in Via Andrea Costa a Bologna, è scritto: Il tuo ideale seppe vincere le torture e la morte..., Pino Cacucci nel suo libro scrive:
Il tuo ideale Irma. C'è forse qualcuno che se lo ricorda, che sappia cosa fosse l'ideale per cui hai resistito a tanto scempio senza dire una parola, in questa Bologna che dimentica iin fretta, questa Bologna sempre più ricca e sempre meno sensibile, dove a parlare di ideali ti fanno sentire vecchio e superato, residuo del passato ormai da "rottamare"...? Qualcuno sì, ma così raro. Qualcuno che anche oggi ha rinnovato un fiore fresco...
La sua famiglia non sapeva neppure che lei era diventata militante GAP, staffetta e combattente
Il 7 maggio 1944 fu arrestata dai fascisti. La trovarono con addosso documenti cifrati, aveva appena portato armi alla base di Castelmaggiore. I compagni partigiani seppero che era stata catturata e dovevano decidere se abbandonare i loro rifugi, ma poi restarono dov'erano. Uno di loro disse: - la conosco, la Mimma non parlerà
Iniziarono a torturarla per ore ed ore per cercare di farle dire i nomi dei compagni. Non parlava. Subentrò nello stato d'animo degli aguzzini frustrazione e poi rabbia: avevano fatto parlare, con i loro metodi, uomini grandi e grossi e ora questa signorina fragile non cedeva e non diceva una parola.
Le procurarono ogni genere di tortura e mutilazione, per sette giorni, arrivarono perfino ad accecarla.
Alla fine la scaricarono sul marciapiede di casa sua, sotto alle sue finestre. Era ancora viva e le dissero:
- Dicci almeno qualche nome, così ti lasciamo vivere
ma lei non parlava. L'ammazzarono lì con una sventagliata di mitra e se ne andarono bestemmiando.



Pagina scritta in HTML da Attilio Bongiorni - Giugno 2009
bigliografia: Ribelli! di Pino Cacucci
Universale Economica Feltrinelli.
Video

Pier Paolo Pasolini e gli italiani




Pagina fatta in Html e PHP da Attilio Bongiorni