Fotografie

Libri Resistenti

Podcast:



Foto inviate dai visitatori del sito

Download

Documenti, curiosita'
Documenti di lavoro'

test Procedure

Calcola l'ICI di Pecorara
Archivio delibere e determine

ComPa 2007
Intervento al Compa 2007 Bologna - podcast
Esperienze del territorio - Compa 2007 (pdf)
Foto dell'intervento

Collegamenti

Altri collegamenti

Libri, films ecc.





Vladimiro Bersani (Comandante Selva)

Era un comandante designato dal CLN
ma nello stesso tempo una persona avversa a far pesare l'autorità; i gradi e le gerarchie non gli andavano a genio. Amava molto la natura e la solitudine della montagna e forse per questo aveva scelto quel nome di battaglia. Lo chiamavano anche «Il Capitano del Lama» (dal nome del monte omonimo).
Il 18 aprile del 1944 Selva stava tornando da Pecorara dopo una ispezione presso le squadre partigiane della Provincia. Durante il viaggio, il gruppo del Comandante Selva aveva avuto due scontri con truppe tedesche: erano riusciti a prendere due autocarri e a fare prigionieri 5 militari tedeschi.
Il giorno dopo Selva venne a sapere che un camion con a bordo una squadra numerosa di uomini della RSI era partito da Gropparello per una spedizione offensiva.
Il gruppo dei partigiani aspettava a Tabiano organizzando un attacco presso l'osteria dove i fascisti si sarebbero fermati. I partigiano si divisero in tre gruppo, uno avrebbe attaccato l'osteria da sinistra, l'altro da destra e il terzo gruppo dal centro. Selva era nel gruppo centrale, lì vicino si trovava un oratorio.
Al momento dell'attacco fu Selva che dette il via all'azione
lanciandosi in avanti, ma lo videro cadere a terra quasi subito, fulminato da una scarica di fucile che proveniva, però da una casa vicina all'oratorio e non dall'osteria . Intanto i fascisti si precipitarono fuori dall'osteria sparando all'impazzata e riuscendo a ripartire con il camion. Il comandante Selva venne soccorso dal suo amico Renato, ma era ormai morto, anche renato venne colpito dal milite nell'oratorio. Ai funerali del Capitano Selva la gente partecipò con commozione, ricoprendo la sua bara con rami di quercia e fiori di bosco.
La formazione partigiana della Val d'Arda prese il suo nome: «38ª Brigata Vladimiro Bersani».



Pagina scritta in HTML da Attilio Bongiorni - Giugno 2009
bigliografia: Piacenza nella lotta di liberazione di Anna Chiapponi
Tipografia Nazionale di Piacenza.
Video

Frate Dolcino




Pagina fatta in Html e PHP da Attilio Bongiorni