Fotografie

Libri Resistenti

Podcast:



Foto inviate dai visitatori del sito

Download

Documenti, curiosita'
Documenti di lavoro'

test Procedure

Calcola l'ICI di Pecorara
Archivio delibere e determine

ComPa 2007
Intervento al Compa 2007 Bologna - podcast
Esperienze del territorio - Compa 2007 (pdf)
Foto dell'intervento

Collegamenti

Altri collegamenti

Libri, films ecc.





Giovanni Molinari

Fiorenzuola, 5 giugno 1921,
Giovanni Molinari e Carlo sono due fratelli, figli del vecchio Sindaco socialista di Fiorenzuola; hanno passato la giornata a salutare alcuni loro compagni socialisti che hanno deciso di emigrare in Francia non potendone più delle minacce dei fascisti. I due fratelli si fermano in un locale di Fiorenzuola e fanno una cantata in compagnia davanti ad un bicchiere di rosso. All'uscita trovano un gruppo di fascisti armati, uno di questi va alle spalle di Carlo e lo uccide con un colpo di pistola alla testa. Giovanni viene colpito con una mazza ferrata.
Pecorara, 31 marzo 1944,
Fanny Zambarbieri esce di casa la mattina per andare a lavorare all'ufficio Uxea, che si trovava nell'abitazione di Pizzi Francesco. Per questo, percorre Via Roma in salita, (poi avrebbe dovuto scendere in via Birago ora via degli Antoni). La corriera è arrivata da poco da Pianello Val Tidone e posteggia vicino all'attuale Bar di Italo, cioè in Piazza Roma (che ora si chiama Piazza Zambarbieri). Fanny sente degli spari e in mezzo alla piazzetta vede due uomini a terra ormai morti. Sono il Commissario Prefettizio e il Segretario del fascio: Oddi Francesco e Amori Riccardo. Due uomini scappano rapidamente, in un attimo sono a Pecorara Vecchia e poi scompaiono. Uno di loro è Giovanni Molinari (Giuanon) alias Piccoli. E' diventato uno degli antifascisti più ricercati dalla Questura che lo definisce irriducibile sovversivo.
Pecorara, presso il Municipio qualche giorno dopo
I carabinieri se ne sono andati perchè la zona di Pecorara non è più sicura. I partigiani entrano in municipio, si impossessano di registri, liste di leva ed altro e bruciano il tutto in piazza allo scopo di impedire che che i fascisti possano controllare i giovani chiamandoli alla leva. Ancora oggi nel comune c'e' un mobile (vedi la foto) al quale manca un cassetto. Quel cassetto è stato bruciato dalla banda partigiana.
Pecorara, in un luogo imprecisato vicino alla loc. Moiaccio è il 5 giugno 1944.
Sono passati 23 anni esatti dalla morte di Carlo Molinari. Siamo in aperta campagna sul confine con il Comune di Piozzano. Un gruppo di carabinieri dell'Alzanese (i partigiani di Fasto Cossu) ordinano a Piccoli di alzare le mani, si mettono a litigare furiosamente. Alla fine i carabinieri partigiani uccidono Piccoli con una raffica di mitra. Piccoli è stato accusato di razzie e rapine con la sua banda, ma ci sono tanti elementi che fanno pensare ad un contrasto politico tra le due bande di partigiani ma soprattutto ad un tragico scambio di persona. Dal libro Pecorara nella bufera della Resistenza scritto dal Parroco di Pecorara all'epoca viene infatti data una descrizione fisica di un certo "Giovanni di Fiorenzuola", accusato di avere estorto denaro con minacce, completamente discordante da quella quella reale. Così muore, comunque, per mano di altri partigiani, uno dei più tenaci oppositori del fascismo della Provincia di Piacenza.



Pagina scritta in HTML da Attilio Bongiorni - Giugno 2009
bibliografia: Il filo della memoria di Franco Sprega
Video

Orwell 1984




Pagina fatta in Html e PHP da Attilio Bongiorni